Fabio Genovesi

Fabio Genovesi

10982313_1159048934112547_6129317046077676758_n

“Tutto il mare gigantesco e la sua acqua che non dorme mai, e le onde che arrivano da sempre e per sempre una dopo l’altra, toccano la riva e sembra che finiscono lì, ma invece non finiscono. Solo tornano indietro per farne salire altre e altre e altre, con una spinta che non so da dove viene ma c’è, sta là in fondo e ci manda su e giù, su e giù, in questo abbraccio caldo che non serve voltarsi per sentirlo, ci sta tutto intorno, mentre teniamo gli occhi là davanti, verso quello che ci porta la corrente, verso un giorno nuovo che sembra un enorme regalo impacchettato di arancione, ancora tutto da scartare”.

-Fabio Genovesi-

Annunci
Categorie: Fabio Genovesi, Mare | Lascia un commento

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Appunti sparsi

Il disordine non esiste.

Penitenziagite! (Un cadavere nella Rete)

La prima Social Network Novel in assoluto

Antalgica Poetica

se ne sconsiglia la visione ai maggiorenni e comunque a chi ha più di 12 anni

miriammessina

Vivo e scrivo sulla splendida isola d'Ischia

mezzaginestra

Cultura? Pop e piano, sir.

....e adesso la pubblicita'

La vita e' un carosello

Bhutadarma

Nothing is impossible (at least that does not violate the laws of physics). When you can..violate the laws of physics!

I tesori di Amleta

il mio mondo diverso

Cuori e Ciliegie

“.. anche se incontrassi un angelo direi non mi fai volare in alto quanto lei”

Libera per sempre ©

Banali mai, folli Sempre!

Il Libro di Pladis

Per raccogliere la Rosa devi stringere le spine

Silenzio Fotografico

Fotografie che fanno rumore, in silenzio.

a piedi scalzi

qui dentro, sei molto più eloquente

TIMES OF LION

Exposing Truth

Doduck

Lo stagismo è il primo passo per la conquista del mondo.

Tutto sulla mia psicopatica vita almeno sine a quando ne avrò una

Parlerò di me della mia follia I miei pensieri e sogni irrealizzabili vi sfido a seguirmi

IL MIO PICCOLO CLUB DEL LIBRO

“Ogni lettore, quando legge, legge se stesso” (Marcel Proust)